lunedì 19 ottobre 2009

I SEMINARI DI CAOSINFORMA

Proposti dal Centro Studi e Formazione, sono in fase di "allestimento" i primi "Seminari de La Tenda a Fieravecchia" di aggiornamento e scambio di esperienze sui temi che interrogano la società contemporanea.

I seminari del giovedì che si terranno presso la sede di via Fieravecchia del Centro La Tenda, sono incontri di aggiornamento con e tra testimoni attendibili sui temi che interrogano la società contemporanea e che richiedono nuove risposte.

L'obiettivo è quello di offrire uno spazio di riflessione e discussione per la formazione di una nuova cultura sui temi del disagio, delle problematiche educative, della progettazione in ambito sociale, della salute globalmente intesa, del lavoro e dei minori.

I temi previsti sono
–Migranti: “volevamo braccia sono arrivati uomini” –Comunicare il sociale oggi
–Le nuove povertà, le nuove ricchezze
–L’orientamento educativo: nuovi bisogni, nuove risposte
–Scuola e bisogni di formazione
–Bisogno di famiglia … ma di quale famiglia?
–Bisogno di politica: c’è ancora voglia di comunità?
–Cielo azzurro 10 anni dopo. Un bilancio e un rilancio delle attività per il “pianeta carcere”
–Doppia diagnosi o doppia speranza? Le parole per dirlo
–Sport e dipendenza: l’allenatore per la vita
–Introduzione ai metodi psico-educativi

Carica file

2 Commenti:

Blogger caos centro e studi e formazione de La Tenda ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

28 novembre 2009 23:47  
Blogger caos centro e studi e formazione de La Tenda ha detto...

Alla presenza di un numeroso pubblico, giovedì 26 novembre si è concretizzato il primo dei "Seminari de La Tenda a Fiervacchia", questa volta deidcato al complesso, attuale e forte tema dell'immigrazione. Introdotti da Vittoria Caffaro e Luciano Provenza del Centro La Tenda, e preceduti dalle domande formulate dai rappresentanti di alcune Associazioni di migranti, gli Assessori alle politiche sociali, sia dell'Amministrazione Provinciale, Giovanni Baldi, che dell'Amministrazione Comunale, Ermanno Guerra, hanno documentato il lavoro che le rispettive Amministrazioni Locali stanno realizzando in tema di integrazione multietnica.

Ma è stato con l'intervento di don Tonino Palmese che il seminario si è infiammato.

Con una dialettica scevra da formalismi e da retorica, il prete salesiano, docente universitario ed esponente di spicco dell'Associazione Libera di don Ciotti, ha sferzato l'uditorio richiamando tutti ad un rapporto più reale con il dramma di decine di migliaia di persone extracomunitari cui spesso vengono negati tutti i diritti, compreso quello alla vita. E ha denunciato come ciò accada, altrettanto spesso tra l'indifferenza o il farisaismo della nostra società spesso ipocrita e perbenista. E per di più legittimata da una normativa al limite del razzismo.

Un discorso dai toni spigolosi, scomodo, duro ma nondimeno reale, che ha dato l'opportunità di una riflessione non scontata su un tema attualissimo, ripreso successivamente dagli interventi di Rosa Masullo (ex assessore alle politiche sociali del Comune di Salerno, e di Gerardo Giordano (già vice presidente della Provincia di Salerno) che hanno posto l'accento rispettivamente sulla specificità salernitana nell'affrontare la complessa situazione sociale suggerendone una lettura in termini di politica dettata dalle leggi del mercato del lavoro.

Il seminaro, denso di stimoli e riflessioni, ha rappresentato l'avvio di un corso per che va senz'altro approfondito ma nondimeno è terminato con la riproposizione di alcune attività concrete che il CEntro La Tenda, in partenariato con Enti Pubblici e Associazioni di Volontariato sta già realizzando a Salerno e in provincia

28 novembre 2009 23:53  

Posta un commento

commenta

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page